martedì 30 agosto 2016

Gelato allo yogurt al caffè


Terzo esperimento della serie di gelati preparati con lo yogurt.
Questo è al caffè, delicato e piacevole... Inoltre, si vede che finalmente ho trovato i tempi di raffreddamento e mantecatura in base alla mia nuova gelatiera perché, a differenza dei primi due, è bello sostenuto e cremosissimo!!


Ingredienti:
~ 250 ml di panna fresca da montare
~ 250 gr di yogurt al caffè

~ 150 ml di latte intero
~ 130 gr di zucchero
~ 2 cucchiaini di caffè solubile (o più per un gusto più deciso!)

Con queste dosi si ottiene circa 700 ml di liquido, quantità adatta per l'uso della gelatiera.


Sciogliere molto bene lo zucchero e il caffè solubile nel latte, poi unire la panna fresca e lo yogurt e mescolare ancora fino ad ottenere un composto omogeneo.
Mettere il recipiente in freezer per circa un'ora, poi versare il composto bello freddo nella gelatiera in funzione e fare mantecare per circa 25-30 minuti, il tempo necessario affinché si gonfi e diventi bello cremoso.
Porzionare nelle coppette e servire subito, decorando a piacere.





martedì 16 agosto 2016

Carbonara con Amc, senza ovale!


Da quando ho capito le dosi dell'acqua con il sugo per fare la pasta con il Secuquick Amc, non mi ferma più nessuno!! Ho sperimentato sughi vari, ma quello che mi mancava era la carbonara: possibile che si possa fare solo con l'ovale e non con il nostro amatissimo Secu?
Così ho sperimentato e il risultato giudicatelo voi...
D'altronde, con Amc bisogna sperimentare, solo così si può imparare dosi, tempi e quant'altro...
Ma ritorniamo alla carbonara di oggi: praticamente, non è una ricetta, ma il procedimento di come farla con il Secu.
Pronti? Via!!


Ingredienti:
~ pasta corta
~ pancetta affumicata a pezzetti (io uso le vaschettine già pronte da 100 gr)

~ acqua q.b.
~ pochissimo sale

~ un goccio d'olio (io preferisco di semi)
~ uova, grana grattugiato, sale e pepe (io non ho messo quest'ultimo)

Mettere la pasta nell'unità di cottura da 3 o 4,5 litri.
Aggiungere la pancetta affumicata, un goccio d'olio e l'acqua in quantità tale che rimanga a livello della pasta o, meglio ancora, appena al di sotto.

Salare leggermente e mescolare (nella foto qui sotto, la pancetta è tutta sotto la pasta).


Chiudere con il Secuquick ed impostare l'Audiotherm su P + soft.
Sul fuoco: mettere la pentola su quello grande a fiamma alta e, quando l'Audiotherm suona, spegnere, poi spostarla dalla fonte di calore ed aspettare che il coperchio si apra da solo.
Con il Navigenio: impostarlo su A di automatico e, quando l'Audiotherm suona, spegnere; anche in questo caso, meglio spostare la pentola dal Navigenio perché è bello caldo!!

Nel frattempo, sbattere le uova con il grana grattugiato, il sale e il pepe finchè si ottiene una bella crema omogenea.

Quando il Secuquick si apre, toglierlo e mescolare la pasta; se per caso c'è dell'acqua avanzata, mettere la pentola sul fuoco e fare asciugare.


A questo punto, unire l'uovo sbattuto e mescolare ancora una volta, poi impiattare e servire.


Il risultato è una pasta bella cremosa, senza l'effetto "frittata", ma se piace l'uovo più cotto, basta mettere la pentola sul fuoco e fare andare finchè si ottiene la cottura desiderata.


Che ne dite, non vi fa voglia?


Così cremosa...




Buon divertimento con Amc a tutti.

domenica 7 agosto 2016

Pasta al forno con amc... praticamente, senza forno!!


Allora, l'altro giorno vi ho mostrato come fare la pasta con il Secuquick...
Ora vi chiedo: con questo caldo, accendereste il forno per trasformarla in pasta al forno?
No?? Nemmeno io...
Ma ecco che ci viene in aiuto il nostro amatissimo, fidatissimo, utilissimo Navigenio!!!

Prima di cominciare, una piccola precisazione: in questo caso, io ho usato il ragù preparato con il metodo amc (e congelato nelle vaschette) con l'aggiunta di un pochino di passata di pomodoro, aromi e funghi porcini (quelli in scatola).

Per prima cosa, preparare la pasta come ho descritto nel post precedente o come vi trovate meglio voi.
Nel frattempo, preparare la besciamella come spiegato qui (sempre metodo amc!), facendo metà dose.
Quando la pasta è pronta, versarne circa metà nell'unità bassa e larga da 3,5 litri, poi spargere delle cucchiaiate di besciamella, versare il resto della pasta e coprire con il resto della besciamella, mettendola sempre a cucchiaiate qua e là.
A piacere, spolverare con abbondante grana grattugiato o formaggi a vostro gusto.

Nota: io ho preferito trasferire il tutto nella pentola bassa e larga in modo da ottenere una pasta al forno il più possibile gratinata, ma non è obbligatorio, si può anche lasciarla nell'unità alta!

Ora capovolgere il Navigenio sopra l'unità di cottura ed accenderlo, posizionando la temperatura sulla terza o quarta tacca. Fare gratinare secondo i propri gusti.
Nota: se si lascia la pasta nell'unità alta, lasciare il Navigenio capovolto per qualche minuto in più o accenderlo ad una potenza maggiore.


Io ho voluto mettere la besciamella a cucchiaiate, ma nulla vieta di mescolarla direttamente con la pasta, soprattutto se la si vuol fare gratinare nell'unità alta.

La solita, bella spolverata con il grana grattugiato...


... e il piatto è pronto!!
Sfido chiunque a non sbavarci davanti!!



Poco, pochissimo lavoro per un risultato favoloso!!!
Amc forever!!

giovedì 4 agosto 2016

Pastasciutta con Secuquick


Oggi vi mostro come fare la pasta con Secuquick Amc: niente di più facile!!
Una volta capito il metodo, cioè quantità di acqua e/o sugo e i tempi, vedrete che non riuscirete più a farla con il metodo tradizionale!!
Questo è il procedimento di come la faccio io e mi trovo benissimo...

Ingredienti:
~ pasta corta
~ passata di pomodoro

~ acqua q.b.
~ pochissimo sale

~ origano o spezie a piacere
~ tutto quello che vi aggrada; in questo caso, io ho messo un paio di zucchine


Mettere la pasta nell'unità di cottura da 3 o 4,5 litri.
Aggiungere la passata di pomodoro e tutti gli altri ingredienti.
A questo punto, aggiungere l'acqua in quantità tale che rimanga a livello della pasta o, meglio ancora, appena al di sotto.


In questo caso, io ne ho messa un pochino troppa di acqua; il risultato è che se viene assorbita tutta, la pasta verrà più cotta, se invece non viene assorbita perché la quantità in più non è necessaria, la ritroveremo nel fondo. In questo caso, nessuna paura: basta accendere il fuoco per un minuto e far asciugare il liquido in eccesso!!
Attenzione anche al contrario: se c'è troppa poca acqua, la pasta che rimane sopra rimarrà più dura e leggermente cruda!!

P.S.: io mi trovo bene anche nel mettere un goccio di olio di semi in modo da evitare il rischio che la pasta si attacchi, tanto vado tranquilla perché la temperatura di cottura rimane sempre al di sotto dei 100 gradi e quindi, non venendo fritto, non risulterà pesante!

Chiudere con il Secuquick ed impostare l'Audiotherm su P + soft.
Sul fuoco: mettere la pentola su quello grande a fiamma alta e, quando l'Audiotherm suona, spegnere, poi spostarla dalla fonte di calore ed aspettare che il coperchio si apra da solo.
Con il Navigenio: impostarlo su A di automatico e, quando l'Audiotherm suona, spegnere; anche in questo caso, meglio spostare la pentola dal Navigenio perché è bello caldo!!


Questo è il risultato: una pasta bella condita, sana e, soprattutto veloce!!
E nessun schizzo di acqua bollente, che non è da poco...


Una bella spolverata di grana e voilà...



Un consiglio: non spaventatevi se all'inizio non vi riesce, con un po' di pratica vedrete che è facilissima. Inoltre, se mettendo semplicemente il programma P sull'Audiotherm e la pasta vi sembra troppo al dente, basta impostare uno o due minuti...
Praticamente, provate, provate, provate... E vedrete che prima o poi avrete grande soddisfazione!!


martedì 26 luglio 2016

Gelato allo yogurt alla vaniglia


Dopo essermi lanciata nel primo esperimento (riuscitissimo!) di un gelato allo yogurt e fragola, il secondo gusto che mi è venuto in mente è stata la vaniglia!
Basta cambiare il gusto dello yogurt e il gioco è fatto!
Delicato e rinfrescante, ma anche molto goloso!!


Ingredienti:
~ 200/250 ml di panna fresca da montare
~ 250/300 gr di yogurt alla vaniglia

~ 150 ml di latte intero
~ 130 gr di zucchero

Con queste dosi si ottiene circa 700 ml di liquido, quantità adatta per l'uso della gelatiera.

Sciogliere molto bene lo zucchero nel latte, poi unire la panna fresca e lo yogurt e mescolare ancora fino ad ottenere un composto omogeneo.
Mettere il recipiente in freezer per circa un'ora, poi versare il composto bello freddo nella gelatiera in funzione e fare mantecare per circa 25-30 minuti, il tempo necessario affinché si gonfi e diventi bello cremoso.
Porzionare nelle coppette e servire subito, decorandole a piacere.

Nota: nel corso degli esperimenti, ho provato a cambiare la quantità sia di panna che di yogurt (in base ai barattolini che trovavo in vari supermercati) ed ho constatato che il risultato non cambia!! Per questo ho messo negli ingredienti 200/250 ml di panna e 250/300 gr di yogurt!!

Mi scuso per aver messo solo 2 foto per mostrare il gelato, ma, siccome non si era mantecato tanto bene (ve lo avevo già accennato nel primo post), aveva cominciato a sciogliersi quasi subito, quindi non ho trovato ispirazione per fare più foto e migliori di queste.
Ma vi prometto che i prossimi gelati, oltre che buoni, saranno anche belli da vedere!!


mercoledì 20 luglio 2016

Riso asciutto con le verdure


L'altro giorno vi avevo promesso una variante/aggiunta al riso asciutto che ho preparato con il metodo amc.
Eccovi accontentati: l'ho "lessato" aggiungendo semplicemente delle verdure!!


Invece di lessare le verdure a parte, basta metterle insieme al riso e il gioco è fatto!!
Semplice, no?


Ingredienti e procedimento:
- 1 bicchiere di riso e 1 di acqua (o 2 di riso, 2 di acqua, ecc.)
- 1 zucchina
- mezza melanzana
- mezzo peperone giallo e mezzo rosso
- 1 carota
- piselli congelati

Nota: la quantità di verdure dipende da quanto sono grandi e anche da quanto si vuole il riso condito.

Mettere le verdure tagliate a tocchetti e i piselli ancora congelati insieme al riso e all'acqua, salare a piacere, coprire con il Secuquick e mettere la pentola sul Navigenio, modalità A.
Impostare l'audiotherm su P+ SOFT e, quando suona, spostare la pentola e lasciare che il coperchio si apra da solo.
Una bella mescolata e il vostro riso con le verdure è pronto.


A questo punto, una volta raffreddato, si possono aggiungere tutti gli altri ingredienti che non vanno cotti, tipo tonno, wurstel, olive a pezzetti, uova sode, capperi, mais, carciofini sott'olio, cipolline sott'aceto, prosciutto a dadini, formaggi a tocchetti... e chi più ne ha, più ne metta!!!
Vedrete che insalata di riso favolosa otterrete!!!



Facile e veloce, niente da scolare...
Sana, gustosa e sempre diversa, dipende da cosa si vuol aggiungere...
E con Amc diventa pure divertente cucinare, perfino con questo caldo!!!


lunedì 18 luglio 2016

Riso asciutto con amc


Oggi niente ricetta, "solo" la spiegazione per fare il riso asciutto con amc!!
Nella cottura tradizionale bisogna far bollire l'acqua, salare, versare il riso, fare cuocere, scolare...
Con amc, tutto questo "lavoraccio" viene semplificato: una unità di cottura, riso, acqua e il nostro magico Secuquick!!!

Ma qui viene il bello: se per i risotti il rapporto è 1 bicchiere di riso, 2 di acqua e si ottiene il classico risotto cremoso, per avere il riso asciutto il rapporto è 1:1, cioè 1 bicchiere di riso e 1 di acqua. 
Quindi, niente rischio di scottature con gli schizzi di acqua bollente mentre si scola il riso e poi l'amido non viene disperso nell'acqua... Cosa si può volere di più?


Procedimento:
Mettere nell'unità alta da 3 litri o quella da 4,5 (dipende da quanto riso si vuol fare!) 1 bicchiere di riso e 1 di acqua (o 2 di riso, 2 di acqua, ecc.).
Chiudere con il Secuquick e mettere il Navigenio in modalità A. Impostare l'audiotherm su P + SOFT e, quando suona, togliere la pentola dal Navigenio.
Se non lo si possiede, mettere su fuoco grande a fiamma alta, impostando sempre su P + soft.
Lasciare che il coperchio si apra da solo e voilà, il gioco è fatto.

Basta dare una bella mescolata...


... versare in una ciotola capiente e condire a piacere.



Ed ecco pronto il vostro riso asciutto, basta aggiungere gli ingredienti che più vi aggradano.
Ma nel prossimo post vi mostro una piccola variante/aggiunta... Curiosi?
Eh eh, aspettate e vedrete!!


martedì 12 luglio 2016

Gelato allo yogurt alla fragola


L'anno scorso ho dovuto comprare una nuova macchina per fare il gelato dal momento che la prima ha tirato le cuoia... poverina!! E finalmente è venuta l'ora di provarla!!
Questo gelato nasce, oltre per portare un po' di frescura in questi giorni torridi, anche per metterla alla prova. E fu così che mi venne la "malsana" idea di unire yogurt e panna e vedere cosa ne usciva...
Perché "malsana"? Mi chiederete voi...
Perché è talmente buono, ma talmente buono, che non mi sono più fermata ed ho sperimentato altri gusti con risultati favolosi, un gelato più goloso dell'altro!!
Quindi, cominciamo con il primo, che è anche un classico: la fragola!!


Ingredienti:
~ 200/250 ml di panna fresca da montare
~ 250/300 gr di yogurt alla fragola

~ 150 ml di latte intero
~ 130 gr di zucchero

Con queste dosi si ottiene circa 700 ml di liquido, quantità adatta per l'uso della gelatiera.



Sciogliere molto bene lo zucchero nel latte, poi unire la panna fresca e lo yogurt e mescolare ancora fino ad ottenere un composto omogeneo.
Mettere il recipiente in freezer per circa un'ora, poi versare il composto bello freddo nella gelatiera in funzione e fare mantecare per circa 25-30 minuti, il tempo necessario affinché si gonfi e diventi bello cremoso.
Porzionare nelle coppette e servire subito, decorandole a piacere; io ho messo del cioccolato bianco in granella!

Note personali:
- nel corso degli esperimenti, ho provato a cambiare la quantità sia di panna che di yogurt (in base ai barattolini che trovavo in vari supermercati) ed ho constatato che il risultato non cambia!! Per questo ho messo negli ingredienti 200/250 ml di panna e 250/300 gr di yogurt!!
- con la prima macchina del gelato, potevo versare il composto anche subito e nel giro di massimo 40 minuti avevo il mio bel gelato pronto e bello cremoso. Ho provato anche con questa, ma non è riuscito un bel gelato; infatti, tra il caldo, tra il gelato che non è ben montato, le foto non mi sono venute un granchè!!
Secondo tentativo, passare il composto in frigo prima di mantecarlo: idem come sopra!!
Altri due tentativi per avere una bella mantecatura sono stati quelli di mettere il composto in freezer per due ore e mezza e poi per un'oretta: nel primo caso, mantecatura in 10 minuti, nel secondo in neanche mezz'ora.
Le mie conclusioni? Mi sa che ogni gelatiera è a sé... quindi, regolatevi secondo il vostro macchinario anche se io metto lo stesso come mi trovo meglio con il mio.
Però il mistero per me permane...


Provatelo e vedrete che anche voi sperimenterete altri gusti, ancora prima che posti le ricette!!


Troppo buono!! E rinfrescante...


martedì 28 giugno 2016

Torta cremosa al limone


Appena ho visto questa ricetta, me ne sono innamorata (come non potevo, essendo un dolce al limone?), ma non l'ho preparata subito, è passato circa un mese, poi tra una cosa e l'altra, riesco a postarla solo ora...
Vabbè, l'importante è ribadire quanto detto da Federica: è favolosa!!!
Pertanto, ti ringrazio, Fede, per avercela regalata: essendo un'amante del limone, non potevo non provarla e non innamorarmene!!!
Mi raccomando, fatela anche voi e non ve ne pentirete... oltre a tutto, è adatta per l'estate perché è fresca e molto piacevole!!!


L'originale prevede uno stampo quadrato da 25x25 cm o anche uno leggermente più piccolo,  come quello di Federica, da 23x23; io ho voluto provare con uno rotondo classico da 24 cm di diametro e direi che le dosi erano perfette per questa misura!!

Ingredienti:
per la base:
~ 160 gr di farina
~ 45 gr di amido di mais (maizena)
~ 120 gr di zucchero a velo
~ 140 gr di burro
~ 1 cucchiaio scarso di scorza di limone, io aroma al limone home made (of course!)

per la farcia:
~ 55 gr di Philadelphia (o similare)
~ 55 gr di farina
~ 4 uova
~ 160 gr di zucchero
~ 80 gr di succo di limone
~ 30 gr di burro fuso e freddo

~ zucchero a velo per spolverare


Preparare la base: impastare velocemente il burro morbido con lo zucchero, poi unire la farina e la buccia di limone e stendere nello stampo precedentemente foderato con carta da forno, livellando la superficie e facendo un bordo rialzato di 2 cm. Mettere in frigo per 1 ora.
Trascorso il tempo di riposo, infornare nel forno preriscaldato a 180° per 20 minuti; se in cottura la base tende ad alzarsi, punzecchiarla con i rebbi di una forchetta.

Nel frattempo, preparare la farcia: montare il formaggio con lo zucchero, poi unire un uovo alla volta ed incorporare la farina, il succo di limone e il burro fuso.

Trascorsi i 20 minuti, estrarre la base dal forno ed abbassarlo a 170° gradi.
Versare la farcia nello stampo ed infornare nuovamente per altri 25-30 minuti.
Lasciare raffreddare il dolce, poi sformarlo e spolverarlo con lo zucchero a velo.

Nota: se si conserva il dolce in frigo, è ancora più delizioso!!


La fetta:

 


Le foto le ho scattate all'esterno, sopra un porta-vaso nuovo; oltre ad avere il marito alle mie spalle che teneva a bada ai cani, sono arrivati immancabilmente anche i gatti, tra i quali il più curioso di tutti...


Per fortuna non ha fatto in tempo ad assaggiarla, sono stata più veloce io...