martedì 30 ottobre 2012

Ragni di Halloween


In dispensa avevo ancora una bustina di budino, lì, sola soletta... quest'estate non mi è mai venuta la voglia di prepararlo, così, man mano che si avvicinava Halloween, ho pensato bene di preparare una merenda "alternativa" per i miei bimbi... alternativa solo per la forma, perchè si tratta di un semplice budino aromatizzato con un pizzico di cannella, ma dalla forma paurosa di "ragni malefici"!


In pratica, una volta preparato il budino (la dose di una busta che prevede mezzo litro di latte), l'ho suddiviso in due ciotole (il più rotonde possibile) per il corpo, in due bicchierini da liquore per le testoline e il resto in uno stampino... e che cavoli, la mamma non può fare merenda anche lei? Ci vuole una botta di energia per finire la giornata, no?


Quando il budino si è intiepidito a temperatura ambiente, ho messo tutto in frigo a rassodare e raffreddare per bene e, una volta sformati, li ho decorati con la liquirizia (quella in rotelle, srotolandola e tagliandola) per formare le zampe e le boccucce fameliche e un paio di Smarties per gli occhi allucinati (bisogna farli affondare leggermente nel budino, ma non troppo).

Ed eccovi una carellata di foto, non potevo non farne parecchie, io li trovo troppo simpatici (e anche un pochino paurosi...)



 
Pauraaaaaa!!!!!

 
Ed ecco un bel primo piano...

 
Mentre questo è quello che mi sono pappata io:
 


I bambini sono stati felicissimi di questo "budino alternativo", mentre mio marito, vedendo le foto, mi ha detto che sono talmente realistici che fanno un po' schifetto... e si che i ragni veri non gli fanno paura o ribrezzo (come alla sottoscritta)!!!

Spero di avervi dato un'idea alternativa per presentare il budino domani sera ai vostri ospiti, in caso aspetto i vostri commenti per sapere le facce dei commensali quando si vedono arrivare queste vedove nere fameliche...!!!

Buona serata a tutti e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Barbara del blog Un giorno senza fretta


... al contest "This is Halloween" di Belinda del blog Le torte di Belinda e Manuela del blog Il laboratorio di Manu

 
e al contest di Bricolage & ricette: Halloween contest
 


venerdì 26 ottobre 2012

Biscotti di maionese


Questi sono gli altri dolcetti che ho preparato per la festa di mio suocero: i biscotti di maionese dell'Arabafelice in cucina, alias Stefania, alias una super cuoca-professoressa-etantoaltroancora che vive in quel d'Arabia. La ricetta gliel'ha data una sua amica americana che da quel che ho capito non è che sia esperta di manicaretti, anzi... ma con questi biscotti, ricetta di sua madre, ha stupito tutti... Per fortuna, l'ha regalata a Stefania, che a sua volta l'ha messa a disposizione della rete... grazie ancora, omonima!
Si tratta di biscottini molto friabili, deliziosissimi, uno tira l'altro... la loro preparazione è semplicissima, pochi ingredienti, un po' di riposo e voilà, ecco pronti dei biscotti favolosi e sfiziosi; il gusto della maionese non si sente per nulla e nessuno riuscirà ad indovinare cosa c'è dentro. Come Stefania, anch'io vi consiglio di rivelare alla fine l'ingrediente segreto ai vostri ospiti: prendete nota delle facce che faranno e sotto sotto divertitevi nel vedere le espressioni costernate, meravigliate o incredule... 
Le ciliegine candite sono una mia idea, volevo trasformali in invitanti dolcetti, la ricetta originale prevede solamente di rotolare le palline di impasto nello zucchero.
Qui trovate l'originale di Stefania e che riporto fedelmente, ed inoltre potete vedere il risultato finale dei biscotti rotolati nello zucchero.

Ingredienti:
~ 100 gr di burro freddo
~ 90 gr di maionese fredda (comprata o fatta in casa)
~ 40 gr di zucchero semolato
~ 270-290 gr di farina, circa
~ altro zucchero semolato per la copertura



Tagliare il burro ben freddo in pezzi piccoli, in modo che le fruste che utilizzerete non facciano troppa fatica. Montarlo con lo zucchero semolato per almeno 5 minuti, fino ad ottenere una crema soffice e chiara. Ora, unire la maionese, girando con una spatola e non più con le fruste, amalgamando bene. Piano piano, cominciare ad unire la farina, lavorando inizialmente con un cucchiaio e poi a mano, via via che l'impasto prende consistenza (se avete il Kenwood, potete usare il gancio a K; io non ho questa fortuna...).
Il quantitativo di farina varia leggermente a seconda della maionese che si usa, se è più o meno consistente; quindi bisogna regolarsi per ottenere un panetto morbido, ma non troppo appiccicoso (nonostante abbia cambiato vari tipi di maionese, io ho sempre utilizzato 290 gr di farina).
Avvolgere l'impasto nella pellicola e metterlo a riposare in frigo per 20 minuti.
Preriscaldare il forno a 190°.
Con le mani, formare delle palline, appiattirle leggermente, farle rotolare nello zucchero semolato ed inciderle con i rebbi di una forchetta per ottenere un motivo decorativo (nel post dell'Araba, potete vedere il risultato); oppure, formare dei cilindretti e rotolarli nello zucchero. Se volete mettere le ciliegine, basta rotolare le palline tra le mani, depositarle sulla teglia ed inserire la ciliegina, schiacciando contemporaneamente un po' la pallina, delicatamente.
Depositare man mano i biscotti sulla teglia del forno coperta con carta da forno e mettere le teglie in freezer per 5 minuti, così in cottura i biscotti terranno meglio la forma. Cuocerli per circa 12-13 minuti, controllandone il colore; quando i bordi sono coloriti e i biscotti leggermente dorati, sono pronti.
Sfornali e non toccarli assolutamente visto che da caldi sono ancora un po' morbidi e friabili; raffreddandosi, prenderanno la giusta consistenza.

Note:
- questo impasto si presta benissimo alla sparabiscotti, mentre non ha la consistenza adatta ad essere ritagliato con le formine, essendo morbidissimo.
- si conservano anche per una settimana in scatole di latta, rimando friabili come appena fatti; ma non credo proprio che durino così tanto!!


Ora vi voglio fare vedere un'altra decorazione che ho messo sui biscotti: l'anno scorso, li ho preparati per la festa di compleanno del primogenito ed avevo approfittato dell'occasione per partecipare ad un giveaway di Stefania mandandole le foto via mail.
Essendo una festa per bambini, ho usato gli Smarties per decorare la superficie dopo che ho rotolato le palline nello zucchero:


Non sono carini? Figuratevi che un bambino invitato alla festa si metteva in bocca un biscottino dopo l'altro domandandomi nel frattempo se era vero che c'era la maionese... di sicuro, l'ingrediente segreto non l'aveva fermato nella sua degustazione!!!!!!

Vi consiglio vivamente di provare questi biscotti, vi assicuro che li rifarete ancora, e ancora, e ancora...
Auguro a tutti un fantastico week end e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf
 


Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Vale del blog Una fetta di ParadisoCopia? Si, grazie!

giovedì 25 ottobre 2012

Un premio super-gradito


Qualche giorno fa ho ricevuto questo premio e dire che l'ho gradito, è dir poco!
Per questo devo ringraziare una "nuova amica virtuale": Vale del blog Una fetta di paradiso. La nostra amicizia è nata per caso, come quasi tutte le amicizie legate al blog: le ho lasciato un commento per partecipare al suo contest e così, una parola dopo l'altra, ci siamo "conosciute" ed abbiamo apprezzato i rispettivi blog...

Le regole premiate con questo riconoscimento sono:
1) E' aggiornato regolarmente
2) Mostra la passione autentica del blogger per l'argomento di cui scrive
3) Favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori
4) Offre contenuti ed informazioni utili e originali
5) Non è infarcito di troppa pubblicità

Adesso il premiato deve procedere come segue:
A) Scrivi un post sul tuo blog ringraziando il sito che ti ha nominata con il link ed inserisci dove preferisci sul tuo blog, il distintivo de "Il Blog Affidabile" che trovi in questa pagina:
http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile
Inoltre, spiega brevemente quando e perché hai deciso di aprire il tuo blog.

Ho cominciato anni fa a raccogliere ricette da giornali o appunti personali per un mio ricettario, poi per mettere ordine tra la confusione di carte, ho pensato bene di inserirle nel mio primo computer. Finito il lungo lavoro, ho iniziato a seguire i blog di cucina, appassionandomi sempre più alla vista di quei capolavori, sia nelle ricette che nelle foto. Da lì, quando preparavo un piatto, pensavo sempre: "Questo lo fotograferei così, lo spiegherei cosà..." e mio marito che mi spronava ad aprire un mio blog... ma la paura era tanta: vabbè che ci capisco qualcosina di computer, ma sono in grado di gestire un blog anche a livello impostazioni? E se qualcuno mi copia la ricetta senza citarmi?
Poi ho messo da parte tutti questi pensieri negativi e mi sono letteralmente buttata in questa avventura: il 21 febbraio 2012 ho cliccato su "Crea blog" ed un po' alla volta sono arrivata a formare questo mio piccolo spazio virtuale al quale adesso non saprei più fare a meno: grazie al blog, ho conosciuto altre persone stupende e speciali, mi sento parte integrante di un mondo fatto di scambio di ricette, consigli o anche solo due chiacchiere... per non parlare delle soddisfazioni che mi dà leggendo i commenti o vedendo che a qualcuno piace il blog e si unisce ai miei lettori...
Approfitto dell'occasione per ringraziare tutti voi che mi seguite giorno per giorno, o chi passa velocemente di qui in cerca di una ricetta, di un consiglio sulla cottura con il sistema amc: è grazie a voi che il mio bloggino è cresciuto e maturato in questi mesi, ed è sempre grazie a voi che la voglia di cucinare, di fotografare, di condividere è sempre più forte ;-*** 

B) Nello stesso post, segnalare altri 5 blog a tuo giudizio meritevoli di menzione.
Ricordati di far precedere l'elenco dei blog che hai scelto da questa dichiarazione solenne:

Dichiaro che i blog da me scelti rispettano le 5 regole del Premio "Il Blog Affidabile" disponibili a questa pagina: http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile.

Questi sono i blog che ho deciso di premiare:
Bolli bolli pentolino
L'emporio 21
Chiacchiere in cucina
La tana del coniglio
Il gatto ghiotto


Ringrazio ancora Vale per l'onore che mi ha dato e vi do appuntamento domani con una ricettina... devo solo decidere quale, ma arriva  ;-)))
Stefania ^_^

domenica 21 ottobre 2012

Dolcetti ai marshmallow


L'altro giorno è stato il compleanno di mio suocero e mia cognata mi ha espressamente chiesto di preparare dei dolcetti, piuttosto che un dolce, per la festa che si è tenuta la sera. Questo perchè c'erano già altre cognate che preparavano dolci ed io ho avuto il compito di fare qualcosa di piccolo, ma sfizioso... ecco, questi sono i dolcetti che ho preparato, insieme a dei biscottini che vi presenterò prossimamente.
Sono composti da una base di frollini tritati e burro e sopra ci sono i marshamallow che a loro volta sono coperti da uno strato di cioccolato bianco... semplici, ma deliziosi!
Adatti per il compleanno dei vostri bimbi che ne andranno matti, ma anche gli adulti gradiscono... eccome se gradiscono!!
La ricetta l'ho presa qui tempo fa; li ho preparati varie volte, ma era da un po' che non li facevo... ve li consiglio, sono semplicissimi e abbastanza veloci, non hanno bisogno di cottura e i vostri pargoli saranno felici e contenti!!!
Vi riporto la ricetta originale con le mie modifiche tra parentesi.


Ingredienti:
- 150 gr di biscotti (io, 200 gr)
- 50 gr di burro (io, 60 gr)
- 50 gr di cocco (io non l'ho messo, l'ho sostituito con i biscotti!)
- 175 ml di latte condensato (io, 170 gr, cioè un tubetto intero)
- 200 gr di cioccolato bianco
- marshmallow

Tritare i biscotti ed unirli al cocco. Aggiungere il burro fuso e il latte condensato ed amalgamare bene il tutto. Distribuire il composto negli stampini o nei pirottini pressando un po' cone le dita e mettere in frigo a rassodare.
Nel frattempo, tagliuzzare i marshmallow in pezzettini piccoli, poi distribuirli sul composto di biscotti. Fondere il cioccolato bianco a bagnomaria e coprire le caramelle facendolo colare con il cucchiaio. Rimettere in frigo fino al momento di servire.
Io ho anche decorato con degli zuccherini a forma di cuore, ma questo è facoltativo (siccome era una festa di compleanno, volevo solo farli un po' più carini).

Note:
- con queste dosi, ho ottenuto 22 dolcetti.
- la base è quella classica del cheese cake; se avete una vostra ricetta preferita e vi trovate bene con quella, potete preparla per questi dolcetti.
- si può anche usare uno stampo o i pirottini da mini plum cake ed ottenere così delle barrette (come nella ricetta originale).



Spero che vi piacciano e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf



Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Anto-nella-Cucina: Cosa mi prepari?

sabato 20 ottobre 2012

Il premio...

Ecco un altro premio, stavolta a pensare a me è stata Manu del blog Il diario di Mamy.
Manu, grazie infinite per aver pensato a me e devo essere sincera: non me l'aspettavo!
E' stata davvero una sorpresa molto piacevole ed è con onore che lo ricevo e lo passo ad altri blog che seguo.


Si tratta del "Premio Simplicity" e le regole per riceverlo sono queste:

- risponedere a questa domanda:
"Che cos'è la semplicità?

Per me, la semplicità è nelle piccole cose di tutti i giorni, accudire alla famiglia o una piccola carezza ad un bimbo... la semplicità sta nella natura, il primo raggio di sole la mattina o una foglia che cade elegantemente per terra... la semplicità è nell'amore, dire a qualcuno "ti voglio bene" e non pretendere nulla in cambio... Insomma, non pretendere troppo dalla vita ed essere se stessi, senza cercare di prevaricare sul prossimo.

- dedicare a chi ci ha donato il premio un'immagine:

Foto presa dal web
io dedico a Manu questa foto perchè anche nella semplicità di un laghetto, di un corso d'acqua, ci può essere tanta bellezza da togliere il fiato... questa foto mi ispira serenità e tranquillità, una piccola oasi di paradiso che non finiresti mai di ammirare.

- donare il premio ricevuto a 12 blogger:
come al solito, non è impresa semplice, io seguo i blog in base anche alla semplicità delle ricette/manicaretti e questa volta è davvero arduo decidere; non me ne vogliano gli altri, ma io nomino:

Chiacchiere in cucina
L'emporio 21
CioccoBurro
Una fetta di paradiso
La dolcetteria
Torsolo di mela
Ziodà
Dolcissimi dolcetti
Zampette in pasta
La cucina di Federica
I fiori di loto
Tortino al cioccolato


Grazie ancora a Manu per il dolce pensiero, vi auguro buona serata e...
alla prossima, con una ricettina.
Stefania ^_^

martedì 16 ottobre 2012

Baicoli


I Baicoli sono biscotti tipici di Venezia e sono venduti in tradizionali scatole gialle di latta. Hanno la forma di sottilissime fettine di pane e per questo motivo assomigliano ai piccoli branzini di laguna, i baìcoli; da qui il loro nome.
Furono creati nel '700 per le botteghe del caffè e venivano serviti con caffè e zabaione; ma, essendo biscotti molto secchi, potevano essere portati in mare dai commercianti veneziani e consumati nei lunghi viaggi perchè, se conservati in scatole di latta, potevano mantenere la loro fragranza per lunghi periodi senza subire l'attacco dell'umidità e del tempo.
Oggi i Baicoli sono molto diffusi non solo a Venezia, ma anche nelle zone del padovano e trevigiano e vengono generalmente serviti, oltre che con il classico zabaione, anche con una crema di mascarpone o con la cioccolata calda.
La loro preparazione è lunga e laboriosa, prevede due momenti di lievitazione e una doppia cottura in forno. (Fonte: Saporetipico.it e Wikipedia)
In internet ho trovato varie ricette, ma mi sono basata su questa adattando le dosi per usare tutto il panetto di lievito di birra e aggiungendo l'aroma alla vaniglia.


Ingredienti:
- 625 gr di farina
- 100 gr di zucchero
- 88 gr di burro
- 25 gr di lievito di birra (1 panetto)
- 1 fialetta di aroma alla vaniglia
- sale


Prima di tutto, tirare fuori il burro e lasciarlo ammorbidire a temperatura ambiente.

Primo impasto.
Mettere in una ciotola 125 gr di farina con il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Impastare il tutto (aggiungendo acqua o farina, se necessario), fino ad ottenere un panetto morbido e lasciarlo lievitare per circa 1 ora, fino al raddoppio del suo volume.


Secondo impasto.
Disporre sulla spianatoia (o in una grande ciotola capiente, come ho fatto io) la restante farina e unirvi il panetto lievitato, lo zucchero, il burro morbido, un pizzico di sale e l'aroma ed impastare bene il tutto con le mani, aggiungendo acqua o latte, poco alla volta, quanto basta per ottenere un composto morbido ed elastico.


Divedere il panetto ottenuto in 4 pezzi, ricavarne dei rotoli lunghi circa 30 cm, disponendoli ben distanziati sulla placca del forno coperta con carta da forno, e lasciarli lievitare per circa 1 ora coperti con un canovaccio pulito.


Cuocere i filoncini nel forno già caldo a 180° per circa 10 minuti, facendo molta attenzione perchè devono prendere un leggerissimo colore dorato, ma non fare la crosta.
Sfornarli, coprirli con il canovaccio e lasciarli riposare a temperatura ambiente per almeno un giorno, meglio due.


Preriscaldare il forno a 180°.
Tagliare i filoncini di sbieco in fettine sottili (circa 3 mm), disporle sulla placca del forno coperta con carta da forno e fare cuocere per circa 10-12 minuti, tenendo sotto controllo la cottura perchè devono brunirsi, non biscottarsi troppo! Sfornare i Baicoli e metterli a raffreddare su una gratella; attenzione, è molto importante lasciarli raffreddare del tutto perchè raffreddandosi prendono la giusta consistenza (praticamente, non siate frettolosi come me nell'assaggiarli appena sfornati!).
 
 
Si conservano per settimane chiusi in una scatola di latta.
Superlativi con la cioccolata calda...


... ma niente male nemmeno spalmati con una confettura, in questo caso di fichi (fatta in casa, regalo di mio cognato)...


Note personali:
- i biscotti che ho ottenuto con questa ricetta non sono molto dolci, volendo si può aumentare un pochino la quantità di zucchero secondo i propri gusti.
- se sono buoni con la cioccolata, chissà come sono spalmati con la nutella...!!! ;-P

Prossimamente vi posterò la mia ricetta della cioccolata calda che vedete in foto...
intanto vi saluto e... alla prossima.
Stefania ^_^



Con questa ricetta vorrei partecipare al contest del Molino Chiavazza:
Mani in pasta - I biscotti della tradizione

venerdì 12 ottobre 2012

Torta di mele


La ricetta di questa torta me l'ha passata mia mamma anni fa... me la preparava quando ero piccola perchè, siccome non mangiavo nulla e la facevo penare, con questa torta mi prendeva per la gola (sono sempre stata golosa!!!) e mi faceva fare una bella e sana merenda! A sua volta, probabilmente gliela diede mia nonna, sua mamma, anche se purtroppo non ho ricordi della sua cucina perchè, poco prima che io nascessi, mia nonna ebbe una paralisi ed io ho trascorso i primi 10 anni della mia vita con lei inferma, doveva essere continuamente accudita, giorno e notte... io so che ha trasmesso tanto a mia mamma, dall'amore per la cucina, al ricamo (e rammendo, mia mamma è bravissima! E poi, una volta le signorine dovevano prepararsi la "dote" da portare in sposa), all'amore per la casa e, non meno importante di tutto, l'amore per la famiglia!!!
Ma veniamo alla storia legata a questo dolce: nonostante fossi una bimbetta, mi ricordo come fosse ieri che un giorno andai a giocare a casa delle mie amichette e, a una certa ora, mia mamma mi chiamò per farmi fare merenda; quando assaggiai la torta di mele che mi aveva preparato, mi accorsi che, nonostante fosse buona e deliziosa, era pure un po' troppo compatta e leggermente dura: si era dimenticata di mettere il lievito!!! Io le dissi che andava bene così, ma lei mi rimandò dalle mie amiche e, dopo circa 1 ora, mi richiamò: questa volta feci merenda con una sofficissima e buonissima fetta di torta, seduta sullo scalino di casa (ho sempre avuto questa mania, fino all'età adulta) a rimirare il nostro bel giardino con fiori e alberi; in particolare, ero affezionatissima al ciliegio che era proprio davanti alla porta di casa, eravamo cresciuti insieme ed era diventato un magnifico albero, adoravo stare nella sua ombra o, in maggio-giugno, arrampicarmi sui suoi magnifici rami carichi di ciliegie...
Un altro dolce ricordo è la pubblicità di un noto lievito per dolci (a proposito della torta senza lievito!), ancora in commercio, che aveva come protagonista una bambina di nome Mariarosa e, siccome mia mamma si chiama proprio Mariarosa, io immaginavo sempre che quella bambina fosse mia mamma perchè aveva lo stesso nome...
Per chi ha vissuto i primi anni '70 come me, forse si ricorderà di questo spot, per gli altri, godetevi un piccolo spaccato della nostra tv:



Sono due diverse avventure di Mariarosa, ma ogni volta che le guardo e ascolto la canzoncina mi fanno sempre una tenerezza... soprattutto al pensiero dell'innocenza di quegli anni...

A dire il vero, ho già raccontato questa storia quando il Molino Chiavazza ha lanciato il contest Mani in pasta, comfort food e, non avendo ancora un blog, mandai loro una mail; non immaginate la sorpresa quando lessi che ero tra i vincitori!!!
Ora, visto che ho creato questo angolino di ricette per condividerle con voi, ho pensato di rendervi partecipi dei miei ricordi e di una piccola, soddisfacente vittoria...
Se volete andare a leggere la mail che spedii loro, questo è il loro link alla mia ricetta:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=323688387672505&set=a.202899713084707.45467.187495817958430&type=3&theater

Approfitto dell'occasione per ringraziare la mia amica Giulia: appena le ho comunicato che avevo vinto il contest, lei è immediatamente corsa a leggere la storia ed ha preparato subito la torta per i suoi cari, postandola poi nel suo meraviglioso blog; pensandoci bene, la torta di mamma Mariarosa potrebbe benissimo chiamarsi "La torta di mele di nonna Mariarosa"... Finalmente, eccovi la ricetta.

Ingredienti:
~ 250 gr di farina (o metà farina e metà fecola, per rendere la torta più soffice; io ho fatto così)
~ 200 gr di zucchero
~ 200 gr di burro
~ 3 uova
~ 1 bustina di lievito
~ 3 mele + 1 per decorare la superficie (io ho optato per una spolverata di zucchero di canna e granella di zucchero, ma vi consiglio di attenervi all'originale... infatti, la torta non era molto bella...)

~ questa volta, io ho aggiunto un po' di cannella, ma volendo si possono aggiungere aromi a scelta: scorza di limone grattugiata, vaniglia, ecc. (non sarebbero previsti dalla ricetta originale, va a gusti...)
 

Montare lo zucchero con il burro finché si ottiene un composto morbido; incorporare i tuorli e poi la farina mischiata con la bustina di lievito (ed eventualmente un pizzico di cannella o l'aroma scelto), setacciandoli in modo che non si formino grumi. Montare gli albumi e incorporarli delicatamente al composto.
Tagliare 3 mele a spicchi e poi a dadini e unirle all'impasto; versarlo nella tortiera imburrata e infarinata, o coperta con carta da forno, e decorare la superficie con la quarta mela tagliata a fettine; oppure, se si vuole una torta più "rustica", livellare semplicemente l'impasto ed evitare di decorarlo con la mela (come ho fatto io).
Spolverizzare, a piacere, con un cucchiaio di zucchero ed infornare a 180° per circa 40-45 minuti; quando la torta è pronta, spolverizzare con lo zucchero a velo (io non l'ho fatto perchè c'era la granella di zucchero e si vede...).

Ed ecco pronta una sana e gustosa merenda per i vostri bimbi, o per l'ora del thè... o anche per la colazione...

 
Ora vi mostro un paio di foto che mandai al blog del Molino Chiavazza del dolce con le mele in superficie, così vi rendete conto del risultato finale... La prima è quella che trovate anche nel link che vi ho messo e che loro hanno pubblicato, mentre nella seconda c'è l'alberello con le pietruzze del quale ho parlato nella famosa mail...
 




Bene, sono arrivata alla fine; vi saluto augurandovi buona notte e uno strepitoso week end!
Alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf



Con questa ricetta vorrei partecipare ai seguenti contest:

- a quello di Monica del blog L'emporio 21 dedicato alle spezie


in collaborazione con la ditta Mercato del gusto


- a quello di Reneesme del blog I sapori del cuore, per una sana merenda per i nostri bimbi


- al contest di Vale del blog Una fetta di Paradiso intitolato Il dolce della tua nonna, oggi come ieri

 
inoltre, vorrei partecipare al contest "La mamma è sempre la mamma" dei blog Passione in cucina e Cucinare con amore in collaborazione con la ditta Green gate
 
 
 
E al contest di Profumo di broccoli: Il piatto della tua memoria