martedì 25 giugno 2013

Chiuso per ferie!



Post breve e di corsa per dirvi che il blog da oggi chiude per... meritate vacanze!
Stasera partiamo per la Calabria, quindi non ci sentiremo per circa 10 giorni... ovviamente, non potrò venire a trovarvi nei vostri blog, ma vi ricordo anche che siccome ho attivato la moderazione dei commenti, se non li vedete pubblicati è perché sono in stand-by nella mia casella di posta... quindi, dovete aspettare qualche giorno prima di vederli, ok?

Ora vi voglio regalare degli annunci di blog chiuso per ferie, se vi piacciono basta salvarli nel computer (click destro del mouse, salva immagine...) ed inserirli nel post.
Dimenticavo, li ho fatti io prendendo delle foto in internet...
se li prendete, magari ditemelo, è sempre una soddisfazione personale...






Un abbraccio a tutti, ci vediamo verso la metà di luglio.

sabato 22 giugno 2013

Ciambella al thè bianco bollente


E' la seconda volta che uso il thè in un dolce, la prima volta ho preparato questi deliziosi biscotti usando il contenuto della bustina del thè; stavolta, l'ho messa in infusione ed usato il thè classico, quello che si beve...
L'aroma che il thè ha conferito a questo dolce è veramente delizioso e penso che d'ora in poi mi diletterò nell'uso di thè e tisane anche nei dolci...
Inoltre, è la seconda volta che metto un liquido bollente in lavorazione, nell'impasto... la prima torta è stata quella con il latte caldo ed è stata una vera scoperta, al che mi sono detta che mancava quella con il thè, giusto?
Ed eccola qui, una ciambella sofficissima, una vera nuvola profumata con la quale fare una bella colazione o una merenda perfetta per i vostri bimbi...
La ricetta l'ho trovata in questo blog; in origine, è una bella ciambella bicolore e preparata con acqua bollente, ma io ho tolto il cacao perché volevo gustare al massimo l'aroma del thè.
Però penso proprio che la prossima volta la farò anch'io marmorizzata perché questa è una ricetta da non lasciare più, magari cambiando di volta in volta qualche ingrediente o liquido, ad esempio, mettendo il caffè...
Vi riporto le mie dosi con le mie modifiche e tra parentesi l'originale.


Ingredienti:
ó 250 gr di farina 00
ó 150 ml di thè bianco (originale, 130 ml di acqua bollente)
ó 3 uova

ó 250 gr di zucchero
ó 120 ml di olio di semi (originale, 130 ml d'oliva)
ó 1 bustina di lievito
(originale bicolore con 30 ml di rum e 2 cucchiai di cacao amaro per la parte scura)


Scaldare l'acqua (un paio di minuti al microonde) e mettere in infusione la bustina di thè.


Nel frattempo, montare le uova intere con le fruste elettriche, unendo lo zucchero a più riprese. Quando il composto è bello montato, unire, sempre sbattendo e a filo, l'olio e il thè bollente (se nel frattempo si è un po' raffreddato, ripassarlo al microonde per qualche secondo). Infine, incorporare la farina setacciata con il lievito, sempre con le fruste in movimento.
Versare il composto ottenuto, che sarà un pochino liquido, nello stampo per ciambella imburrato e infarinato e cuocere nel forno già caldo a 170° per circa 40 minuti.
Fare la prova stecchino.



Note personali:
- per la ciambella bicolore, naturalmente bisogna aggiungere il cacao ad una parte di impasto e versare i due impasti nello stampo alternandoli a piacere.
- mio marito ha detto che non è tanto dolce, per me invece questa ciambella è bella dolce!
Quindi, posso dire che va a gusti: provatela con la dose originale di zucchero, eventualmente quando la rifarete (perché la rifarete!), diminuitelo...
- io mi sono accorta all'ultimo che avevo finito lo zucchero a velo per spolverare il dolce, ci starebbe proprio bene perché lo renderebbe un po' più carino...


Le foto rendono l'idea della sofficità di questo dolcetto? Spero di sì...




Prima di trovare questo thè bianco, non sapevo nemmeno della sua esistenza, così ho fatto una ricerca in internet; le informazioni che vi do, sono tratte da questo sito.

Il thè bianco proviene dalle gemme delicate e più giovani delle foglie della Camellia cinese. Dopo la raccolta, i germogli e le foglie vanno fatte appassire al sole prima che ci siano effetti di ossidazione e fermentazione indesiderati e questo serve a conservare il sapore caratteristico del thè bianco. Il suo nome deriva dal colore bianco-argenteo dei peli sui germogli ancora chiusi della pianta del thè, che le donano così un aspetto biancastro, ma una volta preparata, l'infusione risulterà di un colore giallo chiaro.
Questo thè richiede grande attenzione e sforzo per produrlo: i germogli sono selezionati con la massima cura possibile durante il raccolto, non c'è raccolta nei giorni di pioggia o gelo e può essere scelto solo per un breve periodo ogni anno, il che lo rende raro e prezioso.
I germogli e le foglie sono poi cotte a vapore e lentamente asciugate. A differenza del thè nero o verde, il thè bianco non si arrotola, è solo leggermente ossidato, diventando così tra i tè meno elaborati.
Questo spiega i suoi potenti benefici sulla salute:
- essendo quello meno artificioso, ha i più alti livelli di antiossidanti che sono sostante che proteggono il nostro corpo dai danni dei radicali liberi, quindi rallenta l'invecchiamento.
- rende il sangue maggiormente fluidificante e migliora la funzione delle arterie; aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e a mantenere una buona salute perché fornisce al nostro organismo un altro gruppo di antiossidanti, i quali riducono l’azione del colesterolo.
- può anche avere effetti benefici per chi soffre di artrite e osteoporosi.
- si rivela un assassino naturale di batteri e virus rendendo così molto più efficiente l'intero sistema immunitario, fornendo una protezione contro una vasta varietà di invasori e di malattie antiossidanti. Uccide anche i batteri che causano placca, carie e alito cattivo.
- è prezioso contro il raffreddore e l'influenza.
- protegge la pelle ed aiuta a invertire alcuni dei danni che causano i radicali liberi; bere thè bianco favorisce una pelle sana e luminosa.
- può ridurre lo zucchero nel sangue e aiutare a prevenire e alleviare i sintomi del diabete.
- riduce lo stress e aumenta l'energia fisica.
- gli studi suggeriscono che questo thè può aiutare il metabolismo a bruciare più grasso, ma una dieta equilibrata ed esercizio fisico regolare hanno maggiori probabilità di produrre risultati (magari bevendo una o due belle tazze di thè al giorno, aggiungo io!).
Fonte: http://www.inerboristeria.com/the-bianco-proprieta-del-te-bianco.html
vi invito ad andare a leggervi tutto l'articolo per intero perché è molto interessante.

 
Alla fine, posso proprio dire di aver fatto un dolce non dietetico, ma ugualmente salutare per la presenza del thè bianco e dell'olio anziché del burro... meglio di così...
Che ne dite, vi piace?
E dopo aver fatto la maestrina di turno, vi saluto augurandovi un felicissimo week end e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf


Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Floriana del blog Semi di vaniglia:
Un piatto di... tè?

Due premi e una comunicazione

Salve a tutti,
è da ieri sera che vedo dei cambiamenti nei blog perché si vocifera che dal primo luglio non sarà più attivo Google reader. Così, sono qui per annunciarvi che anch'io mi sono unita a Bloglovin', in modo da non perdere nessun blog che seguo ed essere sempre aggiornata sui vostri manicaretti.
Se anche voi volete seguirmi e non perdermi più di vista, trovate il pulsante di Bloglovin' nella colonna laterale, sotto ai lettori fissi.
Una cosa che mi è piaciuta particolarmente è il pulsante con il cuoricino: mettendo "Like" su una ricetta, questa viene segnata tra i preferiti e si può ritornarci quando si vuole, senza stare lì a salvare il link nel computer...
Per maggiori informazioni, vi mando da Erica che ha fatto un tutorial veramente esaustivo:
http://www.ogniricciounpasticcio.com/2013/06/google-friends-connect-e-google-reader.html





Ed ora, passiamo ai premi ricevuti.
Anche se in ritardo pazzesco, voglio ringraziare Annarita del blog I manicaretti del cuore per avermi donato questo graditissimo premio:


e poi vorrei ringraziare Consuelo del blog I biscotti della zia per aver pensato a me con questo bellissimo premio:


In questo premio, ci sono anche delle domande a cui rispondere, ma siccome sono le stesse dell'ultimo premio ricevuto, vi rimando al relativo post.

Per tutti e due i premi il regolamento dice di assegnarlo ad altri 15 blog, quindi ne dovrei nominare ben 30!!!
Vogliate capirmi se invece io li dedico a chi passa di qui, a chi mi segue con affetto e a tutti i miei followers :-***

Un abbraccio a tutti e buona giornata.
Stefania ^_^

mercoledì 19 giugno 2013

Quadrotti furbissimi al cocco e cioccolato


La parola "furbissimi" presente nel titolo vi suggerisce nulla???
Non so, tipo una certa Araba... molto felice...
Dai, non mi dite che non la conoscete... impossibile!!!
Quando si parla di ricette veloci, con pochi ingredienti e quindi "furbe", stiamo parlando della mitica Stefania, che detto tra noi, è un vero genio a scovare queste genialate!!!
Infatti, la ricetta l'ho presa direttamente da lei, una vera fonte di bontà dolci e salate... la ricetta originale è di Martha Stewart ed io mi fido di Stefania quando prova qualcosa di questi grandi cuochi/pasticceri e poi propone queste ricette che magari non guarderei nemmeno (aldilà che se va bene sono pure in inglese...!!).

Questi quadrotti li ho preparati per la festa di compleanno che vi ho detto nel post precedente insieme alla Torta con riso soffiato e Mars; la prima ricetta l'ho scelta perché, come ho già detto, è un grande classico alle feste ed è sempre apprezzato da tutti, poi ho deciso di fare anche questa torta (poi tagliata a quadrotti) perché è molto veloce, pochi ingredienti e minimo sforzo! Non per niente, è una ricetta furba!!!
Già avevo il pensiero di fare la spesa cercando di non tralasciare niente, organizzare la festa, preparare panini... con questo dolcetto mi sono trovata benissimo, ho cucinato la base la sera prima, così ha avuto il tempo di raffreddarsi con calma, poi la mattina seguente l'ho cotta con il ripieno... così, non mi sono trovata a fare un dolcetto il giorno stesso in fretta e furia, o a prepararlo il giorno prima con il timore che magari non sia buono come appena fatto!!!
Quindi, ringrazio pubblicamente Stefania per la ricettina e vi consiglio vivamente di provarla: quando assaggi questo dolcetto, poi non riesci più a fermarti!!!
Messaggio per la mia omonima: non è vero che non si sporca nulla, io ho sporcato il frullatore...!!! ah ah ah ;-)))

Ultima cosa: scusate per le foto "grossolane", ma le ho fatte di corsa, giusto un attimo prima di uscire di casa!!!
Ed ora, direttamente dall'Arabia...

Ingredienti:
per la base:
- 330 gr di biscotti tipo Digestive (io, un mix di quello che avevo nella biscottiera...)
- 140 gr di burro

per il ripieno:
- 1 lattina da 397 gr di latte condensato
- 100 gr di noci pecan o noci tradizionali (io, tradizionali)
- 130 gr di gocce di cioccolato o cioccolato fondente tritato (io, gocce)
- 100 gr di farina di cocco

Preparare la base: frullare i biscotti fino ad ottenere una farina e mescolarla con il burro fuso. Premere con le mani (o con un cucchiaio, come ho fatto io) il composto ottenuto alla base della teglia coperta con carta da forno, livellandolo. Cuocere in forno preriscaldato a 190° per 10 minuti, quindi tirare fuori e lasciare raffreddare.
Cospargere le noci tritate grossolanamente su tutta la base e poi le gocce di cioccolato.
Quindi versare tutto il latte condensato cercando di spargerlo uniformemente e di non farlo andare sotto i bordi, poi completare con il cocco e cuocere sempre a 190° per circa 10-15 minuti, finchè il cocco comincerà ad apparire un pochino tostato.
Togliere dal forno e non toccare finchè non si è ben raffreddato.
Tagliare in quadrotti della dimensione desiderata e servire.



Note mie e di Stefania:
- io le noci le ho tritate nel mixer azionandolo ad impulsi, così ho potuto controllarne lo sminuzzamento (come ho fatto per questi biscotti).
- gli ingredienti sono indicati per una teglia da 33x23 cm, la mia era da 30x20 ed è andata bene lo stesso...
- come ho detto, io mi sono trovata bene a preparare la base la sera prima e completare il dolce la mattina dopo, ma Stefania dice che preparandolo il giorno prima, poi diventa ancora più buono.
- io ho messo i quadrotti ottenuti nei pirottini, così erano più carini a vedersi...
- il dolce cotto si può congelare (figurarsi se a casa mia riesco a farlo, dovrei nasconderlo!), basta avvolgerlo nella pellicola e metterlo in freezer intero, poi si taglia a cubetti solo dopo averlo scongelato!
- non cambiare l'ordine degli ingredienti della copertura!!!

Ed ora, vi offro un pezzetto anche di questo dolcetto:



Vi saluto lasciandovi un consiglio: preparate questa delizia e non la lascerete più!!!
Alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf



Anche con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Raffaella: Magie di compleanno

 
e al contest di Bricolage & ricette: Facciamo festa per il compleanno dei bambini
 

Torta con riso soffiato e Mars


Oggi vi presento un dolcetto che sicuramente conoscete già e magari avete pure la vostra ricetta per realizzarlo. Il web ne è pieno, è stra-famoso, ma io ve lo voglio presentare lo stesso; la ricetta me l'ha data mia cognata e ormai è diventato un must nelle feste di compleanno, tutte le mamme preparano la loro versione e così eccomi qui anch'io...
Ma dov'è il compleanno, direte voi...
Ebbene, l'altro sabato è stato il compleanno di Riccardo, il primo-genito, che ha compiuto 12 anni, mentre alla fine del mese compie gli anni Daniele e ne fa 11. Quest'ultimo è fortunato e sfortunato al tempo stesso: fortunato perché è nato in una bella stagione, si può festeggiare fuori e tutti possono correre in libertà, sfortunato perché le scuole sono finite da un pezzo e gli amichetti sono quasi tutti partiti per le vacanze... Quindi, anche quest'anno ho deciso di festeggiare tutti e due i bimbi insieme, con tutti gli amichetti, così ho fatto felice anche il secondo-genito che altrimenti non si sarebbe trovato nessuno alla sua festa; poi, naturalmente al suo compleanno avrà pure la festa in famiglia e magari un altro regalino (ma proprio ino-ino, visto che gliel'abbiamo già dato!).
In più, unica festa, unica fatica, unico stress post e pre invasione locuste...
Io dico sempre che sono stata brava: due bimbi, tutti e due nati in un bel periodo, nello stesso mese, però uno in una stagione e l'altro nell'altra (primavera-estate), uno in un segno zodiacale e l'altro in un altro (gemelli-cancro) e, per finire... uno con i capelli dritti dritti e l'altro riccio riccio!!!

Che ne dite, vi va di conoscere anche la mia versione di questa torta?
Anzi, la versione di mia cognata Mara che so che la prepara sempre per i suoi nipotini...
Nel tempo ho fatto solo una modifica all'originale, cioè ho diminuito un po' la quantità di burro perché la torta mi sembrava troppo "unta" e devo dire che mi viene benissimo lo stesso! Stavolta, invece della classica scatola di riso soffiato da 370-390 gr (scusate, non mi ricordo il peso di una scatola di riso), ho trovato uno scatolone con 500 gr, quindi ho adattato la ricetta alla nuova quantità di riso soffiato... vi riporto tutte e due le dosi con relative misure delle teglie, così da avere sia un dolce "normale", sia un dolce un po' più grande, dipende da quanti bambini avete in programma alla vostra festa!

Ricetta originale: ingredienti per una teglia o stampo da cm 30x20 alta 5 cm:
- 1 scatola di riso soffiato al cioccolato AGGIORNAMENTO: è da 375 gr!!!
- 10 Mars
- 200 gr di burro (in originale, erano 250 gr, a voi la scelta di quanto metterne!)

Ingredienti per una maxi torta, per una teglia o stampo quadrato di cm 28x28 alta 5 cm:
- 1 scatola di riso soffiato al cioccolato da 500 gr
- 14 Mars
- 250 gr di burro

In una pentola capiente, sciogliere molto dolcemente i Mars tagliati a pezzi con il burro. Quando si ottiene un composto omogeneo, versarci direttamente il riso soffiato (ecco perché della pentola grande!) e mescolare con cura finchè tutto il riso è stato ben amalgamato con il cioccolato. Versare nel contenitore, compattare e livellare il più possibile con il dorso del cucchiaio e lasciare raffreddare completamente. Quando il dolce è ben freddo, capovolgere la teglia su un piatto da portata, tagliarlo a fette o a quadrotti e servire.

I miei consigli:
- io vi consiglio di mettere un foglio di carta da forno sulla teglia che trasbordi un po', così sarà più facile sformare il dolce, soprattutto se la teglia non è antiaderente come le mie!
- una volta capovolto il dolce, io l'ho rigirato di nuovo in modo da mettere la parte del dolce bella omogenea sotto, come base...
- una volta, prima di versare il riso soffiato nella teglia, l'ho cosparsa di Smarties ed è diventata una torta ancora più allegra...
- oppure, si può decorare la superficie con la granella di zucchero colorata... stavolta, dalla fretta, mi sono dimenticata di farlo!!

Ed ecco la torta di compleanno con le candeline:


Purtroppo, non ho la foto dei bimbi che soffiano sulle candeline perché è venuta troppo mossa!!!
In compenso, vi posso offrire un pezzetto di dolce:



E con questo grande classico, ma intramontabile e sempre golosissimo, ho finito, buon pomeriggio a chi passa di qui e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf



Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Raffaella: Magie di compleanno

 
 

martedì 18 giugno 2013

Ecco a voi il pdf Limoni-amo

Ed eccomi giunta anche questa volta alla fine del contest...
e sì, perché per me pubblicare il pdf delle ricette che mi avete donato per il mio contest Limoni-amo? significa mettere definitivamente la parola "fine" al gioco: niente più ricette, niente più sbavamenti davanti al computer, finito anche il lavoro nel documento word...
Mi sento un pochino triste... vabbè, meglio fare felici voi, giusto?
Bando alle ciance, il "pdf limonoso" lo trovate



Come per l'altro pdf del primo contest, voglio darvi delle indicazioni.
Ho caricato il documento con google-docs e quindi il collegamento è diverso da altre piattaforme (almeno sembra a me). 
- quando si apre la pagina, cliccare su "scarica" sotto la scritta "Anteprima non disponibile"
- si apre in automatico un'altra pagina dove troverete questa scritta:



Google Drive non può eseguire la scansione antivirus di questo file.
Limoni - AMO.pdf (32M) supera la dimensione massima scansionabile da Google. Vuoi comunque scaricare il file?
Scarica comunque


 
- cliccate su "Scarica comunque" (vi fidate, no? non ho inserito virus ;-))))
- sotto si aprirà la classica finestrella lunga dove vi viene chiesto se aprire o salvare il file.

Vi avverto che il file è piuttosto pesantino, ci metterà qualche minuto ad essere scaricato, mentre per essere solo aperto il tempo che ci impiega mi sembra ancora più lungo .
 
Se avete problemi, avvisatemi che o lo divido in più parti, o ve lo mando tramite mail!
 
Spero che vi piaccia, aspetto un vostro parere.
Alla prossima.
Stefania ^_^ 

domenica 16 giugno 2013

Biscottoni friabili con thè al limone


Secondo post, oggi... di solito preferisco farne uno in un giorno, ma siccome mi sono presa all'ultimo momento per presentare l'ultima ricetta per il Molino Chiavazza, oggi va così!
Sono anche abbastanza stanca, come vi dicevo in chiusura del post precedente, siamo andati a pranzo fuori; praticamente, in un paesello vicino al mio è stato organizzata da un'associazione questa manifestazione per raccogliere fondi per una bimba alla quale è stato trapiantato un rene, ma la sua famiglia è in difficoltà per le cure conseguenti che ha bisogno la piccola.
Così, in settimana ho prenotato i posti e, una volta tanto, non ho cucinato ma ho trovato pronto! Per il cibo, c'era un'offerta minima e il menù comprendeva antipasto di affettati misti, un piatto di gnocchi o tagliatelle, grigliata mista (costine, salsiccia e pancetta per gli adulti, costine o salsiccia per i bimbi) e patatine fritte o insalata. Poi, c'era anche una bancarella con oggetti di tutti i tipi offerti da vari negozi (acquistabili sempre con offerta libera) e il gonfiabile; per i bimbi, sia ieri che oggi erano organizzati dei tornei tra le squadre dei vari paesi o saggi di danza, inoltre oggi c'era anche un mago con le sue magie!
Ci siamo divertiti molto, abbiamo passato un bel pomeriggio, ma soprattutto in queste occasioni cerco di insegnare ai miei bimbi l'importanza della vita umana e il rispetto per il prossimo, ma soprattutto cercare di dare la propria disponibilità per aiutare i più bisognosi.
I miei bimbi lo sanno che purtroppo ci sono anche quelli meno fortunati, infatti li ho abituati fin da piccoli a "dare"; ad esempio, sanno che i loro vestiti che non vanno più bene li diamo ad una coppia di zii di mio marito che, una volta l'anno, vanno in Africa per aiutare a costruire case, scuole, ospedali e in quell'occasione portano giù vestiti e oggetti per la popolazione locale.
Tornando a noi, la collana che vedete in foto l'ho comprata proprio oggi, alla bancarella, insieme ad un peluche (a forma di gatto, naturalmente!), una tovaglietta ricamata a mano, un temperino carino a forma di mappamondo e un attrezzo da lavoro per il maritino.


La ricetta di questi biscottoni me la sono inventata io di sana pianta, per poter partecipare al contest del Molino Chiavazza, come già accennato, ma anche a quello di Floriana. E' la prima volta che uso il thè come ingrediente, devo dire che questi biscotti sono veramente particolari perché hanno un aroma oserei dire "indefinibile", probabilmente perché ho usato direttamente il thè della bustina, e abbinato ad un retrogusto di limone li rende... unici...
A mio marito sono piaciuti moltissimo, ha detto che pucciandoli nel caffelatte gli sembrava proprio di "mangiare" il thè; io ero scettica se presentarli o meno perché, a dire il vero, sono molto molto friabili (ma pucciabili, stando a lui!). Se volete provarli, ditemi cosa ne pensate...
Eccovi la ricetta.

Ingredienti:
~ 200 gr di farina di riso
~ 1 bustina di thè classico
~ la scorza grattugiata di 1 limone
~ 1 uovo
~ 100 gr di zucchero
~ 100 gr di burro morbido
~ 1 cucchiaino di lievito
~ un pizzico di sale
~ zucchero semolato per la copertura (facoltativo)


Riunire in una ciotola capiente la farina di riso con lo zucchero, il lievito, l'interno della bustina del thè, la scorza di limone e il sale. Aggiungere il burro morbido e l'uovo e lavorare con una forchetta fino ad ottenere un composto omogeneo, poi finire di impastare a mano sul piano da lavoro; si otterrà un composto piuttosto molliccio, che va avvolto nella pellicola e fatto riposare per almeno 1 ora in frigo.


Trascorso il tempo di riposo, prelevare delle piccole quantità di impasto, rotolarle tra le mani per formare una pallina, passarla nello zucchero semolato precedentemente posto in un piatto e disporre man mano le palline sulla placca del forno rivestita con carta da forno, distanziandole bene perché in cottura cresceranno.
Nota: il passaggio dello zucchero semolato lo trovo facoltativo, dipende se si vuole ottenere dei biscotti un po' più dolci e "croccanti" esternamente!
Ora, con una forchetta, schiacciare leggermente le palline in modo da appiattirle e abbellire così i futuri biscotti, poi mettere le teglie con i biscotti crudi in frigo per un'altra mezz'ora, in modo che si sformino il meno possibile in cottura.


Infornare le placche nel forno già caldo a 180° per circa 16-17 minuti, facendo attenzione perché ogni forno è diverso e dipende se si vuole dei biscotti più chiari o più cotti!
Nelle foto successive, si può vedere come crescono i biscotti; quando ho dato loro un'occhiata, mi è uscita un'esclamazione che non posso riportare, al che mio marito mi ha chiesto se stavo cucinando delle brioche... naturalmente, esagerava ma effettivamente si sono allargati e gonfiati abbastanza!!!


Note personali:
- secondo me, si può usare benissimo anche la farina normale, penso che così vengano un po' meno friabili...
- anche se l'impasto è molliccio, non lo vedo proprio per la sparabiscotti, perché i biscotti si allargano molto, sformandosi.

Ed ora, beccatevi un mix di altre foto...



Spero che vi piacciano, ditemi se li provate, mi raccomando!
Penso che userò ancora il thè in un dolce, infatti ho già in mente un dolcetto sempre per il contest di Floriana, speriamo solo che riesca come lo immagino nella mia testa!
Buona serata a tutti e buon inizio di settimana e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Ricetta scaricabile dalla pagina dedicata ai pdf



Con questa ricetta vorrei partecipare al contest del Molino Chiavazza: Mani in pasta - La farina di riso

al contest di Floriana del blog Semi di Vaniglia in collaborazione con Paola del blog Cucinando con Paola (per la sezione salata): Un piatto di... tè?

 
e al contest di Una fetta di Paradiso: Dolci con farine speciali