domenica 30 novembre 2014

Muffin ciocco-banana


Questi muffin mi hanno incuriosita fin dal primo momento che li ho visti nel blog dell'Araba... Avendo delle banane che in teoria servivano per la merenda a scuola e in pratica sono rimaste lì, ignorate, ho pensato bene di "cogliere l'occasione" e metterle nei muffin proposti da Stefania e che mi avevano tanto colpita!
Di solito le banane spariscono nel giro di qualche giorno, non riesco a fare ricette dove richiedono i frutti molto maturi, ma stavolta no! Quindi, mi si è presentata l'occasione giusta per provare questi muffin e l'unica cosa che posso dire è che sono favolosi!!!
L'equilibrio tra cioccolato e banana è perfetto, la consistenza pure... in più, non contengono burro, quindi sono più sani e, anche se non c'è nemmeno il lievito, sono belli gonfi e morbidi!!
Un solo consiglio: se avete bimbi (grandi o piccini!) che adorano le banane, nascondetene qualcuna e preparateli anche voi!!! Vedrete che successo ;-)


Ingredienti:
~ 3 banane molto mature, le mie erano quasi nere!
~ 125 ml di olio di semi di mais
~ 100 gr di zucchero di canna
~ 225 gr di farina
~ 2 uova
~ 3 cucchiai di cacao amaro
~ 1 cucchiaino di bicarbonato


Con una forchetta, schiacciare molto bene le banane fino a ridurle in purea. Trasferirle in una ciotola ed unire le uova, l'olio e lo zucchero e sbattere con le fruste elettriche. A parte, mescolare le polveri, cioè la farina, il cacao e il bicarbonato, ed unirle al composto di banane, mescolando con una spatola o un cucchiaio, non più con le fruste e senza girare troppo!
Versare l'impasto a cucchiaiate negli stampi per muffin e cuocere nel forno già caldo a 200° per circa 15-20 minuti.
Servire tiepidi o freddi; a piacere, spolverizzarli con lo zucchero a velo, io non l'ho fatto per mostrarvi lo stupendo risultato finale!!

I consigli di Stefania:
- i muffin durano tre giorni chiusi in una scatola di latta, nel mio caso non posso dirlo perché non ci sono arrivati!!!
- da cotti, si possono congelare, basta scongelarli a temperatura ambiente per un paio d'ore e passarli nel forno tiepido o nel microonde per qualche minuto; per fare questo, dovrei nasconderli ai miei avvoltoi!! Impresa ardua, sapendo che c'è il dolcetto in giro per casa...
- la ricetta originale dice di usare il brown sugar o il muscovado che danno una nota di caramello, ma siccome non ce l'avevo in casa, ho usato quello di canna e sono venuti buonissimi lo stesso!!


Non sono carini a vedersi?
E pensare che non c'è nemmeno un grammo di lievito...


Le vostre papille gustative faranno la ola e vi ringrazieranno...



Intanto io ringrazio Stefania per questa bellissima ricetta ed auguro a tutti voi una splendida domenica.




Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Caffè col cioccolato e Essenza in cucina: Sfumature in gara! nella sezione dolci in bianco-nero-marrone

giovedì 27 novembre 2014

Ciambella "Luisa" agli agrumi


Ricetta in programma da fare da qualche giorno, ma sempre rimandata...
Poi mi sono capitate delle stupende arance sotto mano e il genio che è in me ha acceso subito la lampadina!!
Praticamente ho sostituito il latte previsto negli ingredienti con succo d'arancia!!
Anche questa ciambella proviene da quel famoso quadernetto di ricette dolci che, a quanto pare, contiene solo prelibatezze: è favolosa!!!
Il nome, stavolta, l'ho lasciato originale, ho solo aggiunto che è agli agrumi perché ho appunto sostituito il latte con succo d'arancia ed aggiunto scorza di limone.
A quanto pare, questa ciambella si chiama "Luisa" perché la mamma del nostro amico aveva chiesto la ricetta alla sua amica Luisa, e da qui il nome del dolce!!!
Semplice...


Ingredienti:
~ 200 gr di farina
~ 75 gr di fecola
~ 150 gr di burro morbido a temperatura ambiente
~ 250 gr di zucchero
~ 3 uova
~ 12 cucchiai di latte * (sostituito con succo fresco d'arancia)
~ 1 bustina di lievito
~ 1 cucchiaino di aroma al limone home made

* ho misurato i 12 cucchiai di liquido e ne ho quantificato 80 ml

Per la glassa di copertura:
~ il succo di mezza arancia
~ 1 cucchiaino di limonata concentrata (succo di limone)
~ zucchero a velo


Con le fruste elettriche, lavorare il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida, poi unire un uovo alla volta aspettando che il primo sia assorbito prima di aggiungere il successivo. Alternare il succo d'arancia (o il latte) con la farina setacciata con la fecola e il lievito, mescolando con una spatola e aggiungendo anche l'aroma al limone. Versare l'impasto nello stampo per ciambella, livellare ed infornare nel forno già caldo a 180° per circa 35-40 minuti; fare la prova stecchino prima di sfornare.

Una curiosità: la ricetta originale riporta questa dicitura: "In forno a calore moderato per circa 1 ora. O sul gas al minimo per circa 1 ora (sul gas, il fornello del caffè.. della Luisa naturalmente).
Cosa vorrà dire??!? Ho paura che non lo scoprirò mai...


Quando il dolce è freddo, capovolgerlo sul piatto da portata e versare la glassa preparata mescolando i tre ingredienti finchè si ottiene una crema vellutata.
Oppure, spolverizzarlo semplicemente con dello zucchero a velo.


Note importanti:
- come si può evincere dai miei cambiamenti, questo dolce è versatile: al posto del latte, si possono usare succhi tipo di arancia o di limone e/o aggiungere aromi a piacere visto che nell'originale manca un qualsiasi tipo di aroma!
- con queste dosi, la quantità di glassa è molta, un'idea per utilizzarla tutta è quella di presentare le fette di torta cosparse con altra glassa:


Sofficissimo, profumato...
Adatto per la colazione, per partire con una marcia in più... oppure per una bella e sana merenda, i bimbi lo adoreranno!!!



Per la prima volta ho ottenuto una ciambella perfetta, non si è alzata al centro come le altre ed ho potuto tenerla capovolta, com'è giusto che sia...
Anche se purtroppo un pezzettino è rimasto attaccato allo stampo (nelle foto si vede che non è proprio perfettissima), ma non importa, sono soddisfatta lo stesso!!
Ed è talmente morbida e buona che ogni difetto fisico perde importanza!!! ;-)
Buona serata a tutti.